Tappeto Kilim, come è fatto e come riconoscerlo

tappeto persiano kilim

Quante volte avete sentito parlare dei tappeti Kilim o Kelem (qualcuno sbaglia chiamandoli Killim) senza riuscire a capire cosa siano?

Noi di Farah 1970 in qualità di professionisti del settore dei tappeti antichi e moderni vi spiegheremo come sono fatti i Kilim e come riconoscerli.

Kilim, il significato della parola: Il termine Kilim significa letteralmente “distendere “; è usato per indicare una specie di stuoia fatta interamente al telaio a cui non è stato aggiunto il vello.

Kilim, senza vello...Cosa sono Ordito, Trama e Vello: L’ordito consiste in una serie di fili stesi parallelamente l’uno all’altro i cui estremi verranno poi intrecciati per diventare le frange. La trama sono i fili (da 1 a 7 per fila) che vengono passati tra i fili dell’ordito nel senso opposto e i cui estremi diventano le bordure laterali del tappeto. Il vello, di cui i kilim sono privi, sono pezzi di filo di diverso colore che vengono annodati sopra la struttura composta da trama ed ordito per creare i disegni tipici dei tappeti persiani. E’ anche volgarmente chiamato “pelo” del tappeto. 

Il Kilim quindi è un tappeto senza pelo che risulta più basso e meno morbido al tatto. E’ molto resistente e leggero; inoltre necessita di minor manutenzione dei tappeti con vello  e restano molto più puliti. Se proprio si volesse trovare un difetto a questa tipologia di tappeti è che non avendo il “pelo” sono meno piacevoli al tatto e quando si consuma  si rovina direttamente la struttura mentre il fili del vello si potrebbero sostituire più facilmente.

Il Kilim è molto apprezzato perchè più facile da gestire (meno pesante e ingombrante) e spesso meno costoso in quanto non ha l'annodatura a mano del vello (parliamo di tappeti recenti).

Posted in Consigli per acquistare un tappeto

Pubblicato il 17/08/2015 12:34:25
Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Aggiungi un commento
Nome:*
Email:*
Messaggio:*
  Captcha
  Aggiungi un commento